Letture filosofiche, oggi in biblioteca a Baveno 'La malora' di Beppe Fenoglio

BAVENO -

Per il ciclo 'Letture filosofiche' la Società Filosofica Italiana del VCO propone, martedì 11 giugno alle 21, alla Biblioteca Civica del Comune di Baveno il romanzo breve 'La malora' di Beppe Fenoglio. La malora è pubblicata nel 1954, due anni dopo I ventitre giorni della città di Alba.

La vicenda, ambientata nelle Langhe, rievoca il mondo contadino dei primi anni del Novecento; ma la dimensione storica è poco significativa, perché Beppe Fenoglio conferisce ai personaggi, pur drammaticamente vivi, un carattere simbolico. La “malora” è la malasorte che colpisce una terra avara, abitata da persone prostrate non solo dalla miseria, ma anche dalle ingiustizie della condizione umana. Il protagonista del romanzo è Agostino Braida, che ricorda i momenti più tragici della sua vita. La narrazione si apre con l’immagine del cimitero di San Benedetto Belbo, dove è sepolto il padre del ragazzo, e si dilata, nella memoria, agli avvenimenti che precedono e seguono il lutto.

Beppe Fenoglio (1922-1963) è uno degli scrittori italiani più grandi, liberi, monumentali e innovatori del Novecento. Uno degli autori di più ampio e solido respiro di tutta la nostra letteratura. Fenoglio scriveva e pensava in inglese e poi traduceva. Aveva imparato l’italiano sui libri, perché la lingua madre era il piemontese di Alba, dialetto capace di raccontare la guerra, la Resistenza, la giovinezza, il territorio, l’amicizia e l’amore come nessuno. Con dignità, poesia, genio, smarrimento e civiltà.

Ricerca in corso...