Inizia la riforma della ricezione all'aperto

Verbania -

Primo passo verso la riforma dei complessi ricettivi all’aperto, ovvero campeggi fissi e temporanei, villaggi turistici, aree per il turismo itinerante: la Giunta regionale ha approvato il 3 agosto un disegno di legge, che passa ora all’esame del Consiglio, che intende aggiornare la norma attualmente in vigore, risalente al 1979, e armonizzare il contesto rendendolo più coerente e completo, nonché più rispondente alle esigenze del mercato nazionale e internazionale.

“Vogliamo così contribuire - dichiara Antonella Parigi, assessore regionale alla Cultura e al Turismo - alla valorizzazione di forme di ospitalità a stretto contatto con la natura”.

Il testo comprende alcune significative novità, tra cui l'inserimento del turismo itinerante (ovvero le aree attrezzate, le zone camper service, le piazzole allestite presso campeggi o villaggi turistici o in aree di servizio, i punti destinati al parcheggio dove sono consentiti la sosta e il pernottamento senza servizi aggiuntivi) per vivere la vacanza a stretto contatto con la natura e la cultura dei luoghi visitati, lontano dalle destinazioni di massa e dal turismo stanziale, e l’inclusione di forme innovative come il garden sharing, che consente a soggetti privati di mettere a disposizione dei turisti, provvisti o sprovvisti di mezzi propri, spazi o aree verdi ed eventuali allestimenti fissi o mobili (tende o bungalow) fino a un massimo di due ospiti per tre notti consecutive.

Il disegno di legge intende regolamentare i servizi di ospitalità turistica, e i servizi complementari per il benessere e il relax degli ospiti, le modalità di gestione, i procedimenti amministrativi per l’avvio, la variazione, la sospensione e la cessazione volontaria dell’attività, le funzioni di vigilanza e controllo, le sanzioni applicabili per le eventuali condotte illecite.

Redazione On Line
Ricerca in corso...