Impennata delle esportazioni nel Vco nei primi tre mesi del 2017

BAVENO -

Il primo trimestre 2016 ha visto una accelerata dell’export in ambito nazionale (+9,9%) ma soprattutto regionale (+14,1%).

In questo contesto si colloca il dato dell’interscambio provinciale, con esportazioni di merci per circa 169,5 milioni di euro, in crescita del +13,9% rispetto a inizio 2016. Si deve risalire al primo trimestre del 2008 per trovare un valore di merci esportate più alto di quanto registrato a marzo 2017. In lieve aumento anche le importazioni di merci dall'estero (+1,2%) rispetto al periodo gennaio – marzo 2016. La bilancia commerciale cresce in positivo passando da 40,8 milioni a 60,3 milioni di euro. Il settore dei metalli si conferma quale attività leader per le vendite all'estero: oltre 48 milioni di euro di prodotto esportato (il 28,5% del totale). Le esportazioni di questo settore sono aumentate del 7%: il comparto comprende i casalinghi. Il secondo posto nella graduatoria delle esportazioni distinte per gruppi merceologici spetta alla produzione di prodotti chimici con un valore di merce esportata pari ad euro 27,8 milioni , in forte crescita (+65%) rispetto al 2016, che però aveva registrato un notevole calo. Crescita nelle esportazioni di macchinari, che passano da 23,6 milioni di prodotto esportato nel primo trimestre 2017 a 25,5 milioni nel 2017. Crescita anche nel settore degli articoli in gomma e delle materie plastiche, che pesa per il 14% e registra un aumento dell’6%. I tre maggiori mercati per i nostri prodotti sono: Svizzera (17%),Germania (16% del totale),Francia (12%). Rispetto ai primi tre mesi dello scorso anno: stabile la Svizzera, +4% verso la Germania, e +30% verso la Francia.

In generale vanno benissimo i mercati europei: le esportazioni verso l’Europa (tutta) rappresentano l’86% dei mercati di sbocco delle merci del VCO, e sono in crescita del 15%; le esportazione verso i paesi UE 28 rappresentano il 66% delle esportazione totali (+20%).

Diminuiscono invece del 9% le esportazioni verso il continente americano (che pesano complessivamente solo per il 4% sul totale),condizionate principalmente dagli Stati Uniti (-21%).

 

 

Redazione On Line
Ricerca in corso...