Il cristianesimo può conciliarsi con le vite extraterrestri? Se ne parla sabato sera all'oratorio di San Vittore

Verbania -

VERBANIA - Particolarmnte intrigante il tema trattato dal terzo e ultimo dei “caffè” proposti dal Vicariato dei Laghi della Diocesi di Novara (sabato 22 aprile alle ore 21) all’oratorio San Vittore di Intra: "Altre forme di vita nell’Universo?” «Il tema di questo caffè è molto ambizioso - spiegano gli organizzatori -  perché oltre a proporsi di verificare la possibilità teorica dell’esistenza di altre forme di vita nell’Universo, intende comprendere che tipo di effetti queste possano avere sull’esistenza di Dio e sul messaggio salvifico di Gesù. Se l’Universo è infinito, o comunque più grande di quanto ci si possa immaginare (prova ne è la recentissima scoperta di un nuovo sistema planetario con sette nuovi pianeti),si può davvero escludere che esistano altre forme di vita? E come può essere compatibile con queste altre ipotetiche forme di vita l’esistenza del Dio cristiano che, attraverso i profeti e poi con Gesù, si è manifestato agli uomini della Terra? E perché in tutto questo Dio avrebbe scelto di manifestarsi proprio a noi, una piccola goccia nell’oceano Universo? Spazio dunque agli interrogativi che affascinano la nostra mente fin da quando siamo bambini, sempre con l’obiettivo di un approccio razionale e meditato».

Il relatore sarà il professore veronese Umberto Fasol, preside e docente di scienze naturali nel Liceo “Alle Stimate” di Verona, esperto di evoluzione, morfogenesi, cosmologia e bioetica. I caffè sono aperti a chiunque abbia voglia di partecipare, credenti e non credenti, chi è in ricerca, ma anche chi – magari immerso nella propria quotidianità – si sente un po’ “fermo” nel proprio cammino, con l’obiettivo di utilizzare la ragione per fare luce e chiarezza su temi scottanti e sulle domande che fanno parte della vita dell'uomo.

 

Ricerca in corso...