Il centrodestra verso il voto con Albertella, Lincio e Zanetta

DOMODOSSOLA -

Giochi fatti per le elezioni provinciali del 31 ottobre prossimo  quando i sindaci e i consiglieri comunali del VCO saranno chiamati ad eleggere il presidente che sostituirà Stefano Costa. Nel centrosinistra la candidata sarà Maria Rosa Gnocchi, il sindaco di Baveno, mentre per il centrodestra toccherà ad Arturo Lincio, sindaco di Trasquera.

L’elezione arriverà 10 giorni dopo quella che porterà invece i cittadini del VCO a dire se vogliono passare alla Lombardia. Mese dunque rilevante, ottobre, in campo politico. Per il trasloco in Lombardia i partiti si sono quasi tutti pronunciati per il ‘no’ alla Lombardia: l’esito del voto sarà importante per capire se le gente segue ancora le indicazioni dei partiti. Sul referendum si gioca anche la posizione politica di Valter Zanetta, deus ex machina dell’iniziativa referendaria e in queste settimane instancabile nel girare la provincia del VCO a sostenere il referendum che lui spera positivo.

La consultazione non condizionerà  quella che otto giorni dopo porterà al voto per la Provincia. Qui si esprimeranno solo i sindaci, che certamente seguiranno in stragrande maggioranza le indicazioni di partito.

Non si hanno notizie al momento di spaccature nel centrosinistra, dove sul nome di Gnocchi dovrebbero convergere tutti. Si hanno notizie di malumori in casa del centrodestra, dove il nome di Lincio non piace a tutti. Giuseppe Monti, sindaco di Premosello e sino  a poche ore fa candidato del centrodestra a Tecnoparco, su Facebook è chiaro: ‘’Lincio non avrà il mio voto’’ dice lamentando che  la politica nel centrodestra la stia facendo un indipendente privo di tessera e non la segreterie. Soprattutto in casa Lega Nord c’è chi, parlando con chi scrive, non sta digerendo la possibilità data ad alcuni politici della vecchia guardia di tornare in campo a scapito di leghisti che da anni ed anni ‘’fanno i gregari’’. Sì perché oltre a Lincio (ex Uopa, ex Forza Italia) pare sempre più probabile che Giandomenico Albertella (di radici socialiste ma che ultimamente ha flirtato con Forza Italia)  possa essere candidato per il voto di Verbania. Mentre proprio l’ex senatore Valter Zanetta (ex Dc, ex Forza Italia, ex Fitto) sarebbe il papabile alla poltrona di presidente di Finpiemonte, la finanziaria regionale.

Renato Balducci
Ricerca in corso...