Ex Brusa, le precisazioni della proprietà dell'immobile. Frisone al centrodestra: giocate sulle paure

omegna -

OMEGNA - In merito a quanto abbiamo scritto ieri, su un presunto  accordo tra la società proprietaria dell'ex fabbrica Brusa a Cireggio per un possibile arrivo di profughi nella struttura, questa la dichiarazione della proprietà, l'immobiliare Omegna:  "Ad oggi, 15 giugno - spiega Mariangela Marcandalli per conto dell'Immobiliare - non abbiamo nessuna trattativa per la vendita di un immobile di cui siamo proprietari da 25 anni. Nessuna comunicazione in merito ad interessi di acquisizione da parte di Cooperative o comunicazioni dalla Prefettura. Se poi qualcuno è a conoscenza di altro, non possiamo saperlo e non abbiamo la sfera di cristallo per sapere quello che succederà tra uno o dieci mesi. I lavori che sono stati fatti all'interno dell'area dell'ex fabbrica sono relativi a tagli di piante e sistemazione del verde, non ad altro".

Nella questione interviene anche il candidato sindaco PD Maurizio Frisone, che stigmatizza l'atteggiamento tenuto dai social da parte di alcuni esponenti del centrodestra. «All’Ufficio Tecnico Comunale non c’è in corso nessuna pratica presentata per nessun tipo di lavoro - precisa Frisone -; abbiamo interessato la Prefettura attraverso una telefonata in cui gli uffici comunicano di non avere notizia di una richiesta in tal senso (ovviamente abbiamo chiesto loro di fornire una nota scritta); di più ancora: abbiamo telefonicamente rintracciato la proprietà che “cade dal pero”, nel senso che non è nei loro progetti di fare niente del genere. Perché vorrei rammentare a tutti che la mia posizione su questa questione è che i valori dell’accoglienza sono sacri e non li disconosco, ma Omegna ha già dato: è ora che siano anche altri a dare!
Ma mentre io, come vedete, ho verificato e mi sono preoccupato per la mia Città, alla Destra questo non interessa: a loro interessa solo fare propaganda».

 

Daniele Piovera
Ricerca in corso...