Elezioni provinciali: il PD resta maggioranza, buona affermazione della "lista dei sindaci"

Costa: collaborerò con tutti, entro 10 giorni la prima convocazione del nuovo Consiglio

Verbania -

VERBANIA - Con 36208 voti (parliamo di voto ponderato) la lista “Progetto VCO” si riconferma maggioranza del consiglio provinciale; dei sei consiglieri del precedente mandato, ne mantiene 5; due ne ottiene la “Lista dei sindaci”, ovvero “Laghi e Monti” (17299),mentre la lista di coalizione del centro destra “Provincia e territorio” (22.533) ne perde uno ottenendone tre. Nessun consigliere per “Partecipazione e solidarietà”, la lista di sinistra (5403). S’è da poco concluso lo spoglio delle elezioni per il Consiglio provinciale del Vco, a votare sono stati ieri 603 tra sindaci e consiglieri di 75 comuni del VCO su 830.
IL nuovo Consiglio provinciale appare dunque così composto: la lista di maggioranza, legata al PD, vede la riconferma del consigliere verbanese Riccardo Brezza (già vice presidente) e del sindaco di Gravellona Giovanni Morandi; confermata anche l’omegnese Rosa Rita Varallo, cui si aggiungono il consigliere di Crevola Fabio Pizzicoli e il sindaco di Calasca Castiglione Silvia Tipaldi.
Per la civica di centro destra, risultano eletti: Luigi Spadone (Cursolo),Fabio Basta (Domo) e Mario Geraci (Gravellona).
La vera novità di questa tornata elettorale, ovvero la “lista dei sindaci”, porta al Tecnoparco il sindaco di Cannobio, Giandomenico Albertella e il consigliere Rino Porini, consigliere a Germagno.
Il timore della maggioranza di non riconfermarsi come tale e dunque ritrovarsi con una presidenza “zoppa”, ovvero non sostenuta dal Consiglio, è stata dunque scongiurata. Eloquente il commento di Riccardo Brezza: “Si continua a lavorare per il VCO con il Presidente Stefano Costa per i prossimi due anni. Il PD mantiene la maggioranza in consiglio. Bene così! Congratulazioni a tutti gli eletti”.  

Il presidente Stefano Costa commenta: “Ringrazio tutti i colleghi sindaci e amministratori per l’ottima partecipazione a questo momento elettorale e mi complimento con gli eletti augurando loro buon lavoro. Nei prossimi due anni avremo parecchi compiti da svolgere insieme e confermo fin da ora la mia disponibilità a collaborare con tutti, indipendentemente dagli schieramenti di appartenenza di ciascuno”. Il primo Consiglio Provinciale di questa nuova tornata amministrativa, che prevede la convalida degli eletti, sarà convocato, come da regolamento, entro 10 giorni.  

Non tarda il commento del centrodestra, che intravvede future difficoltà per il PD col nuovo Consiglio, con un comunicato congiunto, Forza Italia, Fratelli d'Italia e Lega Nord affermano: «Nonostante il voto massiccio dei consigli comunali di due dei tre centri maggiori, il Pd perde posizioni nelle elezioni provinciali e conquista solo il 50% dei consiglieri. È un risultato politicamente rilevantissimo, che dopo la vittoria a Domodossola conferma che il centrodestra è più che in salute in quanto con la propria lista di rappresentanza di soli 7 candidati ha ottenuto ben 22.533 voti ponderati, esprimendo così tre consiglieri: Luigi Spadone, Fabio Basta e Mario Geraci. Un risultato che sprona i tre partiti di centrodestra Lega Nord, Fratelli di Italia e Forza Italia a continuare a lavorare per l’unità della coalizione e per dare al territorio la rappresentatività che merita. Da oggi di certo per il presidente Costa e in generale per il Pd non saranno giorni facili, con un consiglio spaccato esattamente a metà nel quale anche una singola assenza sarà pesantissima».

 

Ricerca in corso...