Coq di Omegna, previsti 3,5 milioni di investimenti nei prossimi due anni

omegna -

Oltre tre milioni di investimenti strutturali nei prossimi anni,  di cui 2,2 entro il 2021. Cui aggiungere  quasi 1,4 milioni di euro per l'ammodernamento tecnologico di alcune apparecchiature. Sono le cifre approvate e stanziate dal primo consiglio d'amministrazione del Coq post fine sperimentazione. Numeri che certificano la volontà da parte del socio privato Generale De Santè e del socio pubblico Asl di continuare ad investire su una struttura sempre più fiore all'occhiello e modello per l'assetto sanitario in Italia. "Siamo lieti  di annunciare questo piano di investimenti- le parole del presidente e amministratore delegato di Gènerale de Santè Italia Arnaud Jeudy- che testimoniano l'attenzione che la nostra società ha per la struttura di Omegna".   Soddisfazione è stata espressa anche dal dottor Gianmaria Battaglia, ad del Coq. "Il Madonna del Popolo rimane un presidio di rete pubblica, affiancato da una gestione privata che rappresenta un esempio da seguire: non possiamo che essere fiduciosi ed ottimisti per il futuro del Coq". Stessi concetti espressi anche dal direttore generale dell'Asl dottor Angelo Penna. "Coq e Asl lavorano insieme e continueranno a farlo nell'interesse dei cittadini e della sanità: è stato un percorso lunghissimo, ma la fine della sperimentazione ha rappresentato e rappresenta davvero un punto focale" ha sottolineato Penna. "Per la città di Omegna è una giornata storica: abbiamo seguito le vicende di questi mesi con fiducia ed anche apprensione, ora possiamo dire che il futuro è roseo" la sottolineatura del sindaco Paolo Marchioni. Ma cosa prevede nello specifico il piano di investimenti?  Il primo lotto di lavori, tutti a carico del Coq, prevede il completamento del terzo piano, l'ampliamento degli ambulatori al piano terra e la razionalizzazione degli uffici. Il secondo lotto invece comprende la sistemazione del seminterrato, dei depositi, della sala riunioni, dell'impiantistica, delle compartimentazioni, mentre negli anni a venire ci saranno ulteriori interventi. 

Daniele Piovera
Ricerca in corso...