Cannobio, tre denunce per abuso edilizio

Cannobio -

Il Comando Stazione Carabinieri Forestale di Cannobio ha accertato l’avvenuta esecuzione di opere abusive poste in essere in località “Formine” del Comune di Cannobio. La zona, ubicata a poche centinaia di metri dal confine elvetico, è stata acquistata e lottizzata da un’Associazione tedesca avente sede in Italia. Al momento della verifica espletata dai militari della Stazione risultavano in corso d’opera lavori di rifacimento di manufatti diroccati ed ampliamento con sopraelevazioni di immobili preesistenti. Gli interventi venivano realizzati direttamente dai membri dell’Associazione aventi competenze tecniche specifiche. Al momento del controllo tali soggetti non sono stati in grado di esibire un valido titolo autorizzativo dei lavori in atto. I militari hanno quindi effettuato un successivo accertamento più analitico congiuntamente a personale dell’Ufficio tecnico del Comune di Cannobio. Diveniva così possibile appurare la completa abusività delle opere realizzate e consistenti, nello specifico, nella costruzione di una nuova unità residenziale a seguito di abbattimento e demolizione di un precedente manufatto parzialmente crollato, nella sopraelevazione e rifacimento del tetto di un immobile preesistente ed infine nella realizzazione di un muro di cinta posto a confine delle proprietà. I lavori sono stati realizzati in assenza di permesso di costruire da parte del Comune di Cannobio e di autorizzazione paesaggistica da parte della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio. I proprietari degli immobili sono quindi stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per abuso edilizio ed esecuzione di lavori illeciti in area classificata a vincolo paesaggistico ed idrogeologico in quanto la zona oggetto degli abusi risulta sottoposta a specifica forma di tutela essendo ubicata a meno di trecento metri dal Lago Maggiore. Le opere in corso sono state immediatamente sospese a seguito di adozione di apposita ordinanza da parte dell’Ufficio Edilizia Privata del Comune di Cannobio.

Redazione On Line
Ricerca in corso...