Bono 5S, una rete territoriale per contrastare i disturbi alimentari tra i giovani

I disturbi alimentari riguardano un numero crescente di persone, solo nella nostra regione 3 mila pazienti sono stati presi in cura, si tratta in particolare giovani e giovanissimi facilmente influenzabili e manipolabili. Ed è proprio notizia di questi giorni l'apertura di un'indagine della Procura di Ivrea sull'attività di una blogger 19enne che istigava le proprie coetanee all'anoressia proponendo, secondo le cronache, una folle dieta di appena 500 calorie al giorno. Dovrà rispondere di induzione al suicidio e lesioni gravissime.

In questo caso l'intervento degli inquirenti e delle forze dell'ordine ha permesso di sospendere le pericolose attività del blog probabilmente evitando il coinvolgimento di ulteriori vittime. Ma è evidente la necessità di una risposta complessiva da parte delle Istituzioni. La Regione Piemonte non può restare a guardare. I fondi erogati ad oggi dal Servizio sanitario regionale per contrastare i disturbi dell'alimentazione sono limitati. Servono maggiori risorse ed è necessaria la volontà politica di creare una rete estesa a tutto il territorio contro il dilagare dei disturbi alimentari. Sarà questo il nostro impegno in aula ed in Commissione sanità.

Davide Bono, Consigliere regionale M5S Piemonte

Vicepresidente Commissione regionale Sanità

redazione on line
Ricerca in corso...