Domodossola piange il Cav. Mauro Falciola: per anni fu presidente dell'Associazione Nazionale Ex Internati

Ebbe un ruolo fondamentale nella realizzazione del monumento dedicato alle vittime dei lager nazisti

DOMODOSSOLA -

La città piange l'ultimo degli ex deportati il cavaliere e geometra Mauro Falciola, papà dell'assessore ai lavori Pubblici Franco Falciola, aveva 95 anni. E' stato uno dei pochi ad aver resistito alla prigionia e a essere tornato a casa.

Per tanti anni è stato presidente dell'Associazione ex internati, nel 2017 aveva ancora partecipato alla celebrazione della giornata della memoria. Ebbe un ruolo fondamentale nella realizzazione del monumento dedicato alle vittime dei lager nazisti nel piazzale di fronte all’ospedale: progettò infatti nei primi Anni 90 la fontana che a Domodossola è simbolo di quegli uomini che a differenza sua non tornarono più a casa. E' stato nei campi di lavoro tedeschi dal settembre 1943 al maggio 1945 dai 19 ai 21 anni.

Per me è stato un esempio e una guida sia sotto l'aspetto della trasmissione dei valori – dice Franco Falciola - sia sotto l'aspetto professionale. Infatti lui era geometra e pure io ho intrapreso la stessa professione. Anche l'impegno e il servizio per la cosa pubblica mi è stato trasmesso da lui. Pur non essendo impegnato in politica mio padre era molto attivo nel sociale. Ricordo però che solo nella vecchiaia aveva iniziato a parlare del passato e della sua triste esperienza nelle scuole e durante le celebrazioni. Anche se sono sicuro, abbia raccontato solo il 10 per cento di quanto vissuto”.

Durante una delle sue ultime partecipazioni pubbliche aveva raccontato che era in fanteria quando fu preso a Treviso e caricato su un carro bestiame; attraversando la Polonia raggiunse la Prussia Orientale dove rimase due mesi in un grande campo di concentramento lavorando la terra e in una fabbrica di munizioni. Poi fu trasferito vicino a Monaco di Baviera dove lavorò in un'officina delle ferrovie tedesche. Infine lavorò nei pressi di Mauthausen, sempre per la manutenzione del materiale ferroviario. Poi la fuga e il suo ritorno a Domo. Falciola al ritorno pesava 47 chili. Mauro Falciola lascia un messaggio e un monumento che rimarrà sempre nel cuore della nostra città. Il Rosario sarà celebrato questa sera nella chiesa della Madonna della Neve alle 18.30 mentre il funerale si svolgerà domani alle 16 sempre nella chiesa della Madonna della Neve.

Ricerca in corso...