Situazione di piazze e marciapiedi, il sindaco Morandi anticipa qualche risposta alla minoranza

Gravellona Toce -

In attesa del prossimo consiglio comunale, fissato per il 27 settembre, il sindaco di Gravellona Gianni Morandi anticipa qualche risposta alle interpellanze presentate dalla minoranza, che aveva attaccato la maggioranza su vari aspetti: situazione di piazze e marciapiedi, degrado del percorso vita e di altre zone della città . "C'è un aspetto molto importante fra le questioni che hanno sollevato che credo vada ribadito visto che ne avevo già parlato nel corso dell’estate scorsa attraverso un comunicato pubblicato anche sul sito del Comune. La gestione delle erbe infestanti in ambito urbano- cos' Morandi- con l’applicazione delle nuove normative, è radicalmente cambiata e qualche risultato negativo appare evidente e di conseguenza non poteva certo sfuggire agli occhi dei consiglieri di opposizione.Senza citare nuovamente le leggi di riferimento vorrei solo sintetizzare che sono di fatto vietati, e quindi inutilizzati negli ultimi 2 anni, tutti i diserbanti chimici che invece fino al 2016 venivano ampiamente utilizzati un po’ ovunque per in controllo delle erbe infestanti. Questo spiega come mai in molti marciapiedi e piazze, di Gravellona e di qualsiasi altra città che rispetti la legge, si vedono ciuffi d’erba che con gli interventi di diserbo meccanico standard non si riescono a limitare nella loro proliferazione. Sono stati fatti già molti esperimenti con tecniche alternative che però hanno già evidenziato che, per ottenere gli stessi risultati che si ottenevano con il diserbo chimico, generano dei costi notevolmente superiori, pari a 5-6 volte di più. Non avendo incrementato l’importo degli appalti e avendo solo cercato di tamponare l’aumentato fabbisogno con lavoratori socialmente utili e interventi diretti dei nostri operai è comunque intuibile che le difficoltà emergono e si dovranno adottare anche altre strategie. A questo si aggiunga che le due ditte che hanno gli appalti del verde pubblico e dello sfalcio dei bordi stradali hanno avuto quest’anno qualche difficoltà nella loro organizzazione: ecco perchè  le minoranze hanno evidenziato un problema reale- sottolinea Morandi.  Quello che non piace al sindaco è il linguaggio utilizzato dai consiglieri Geraci, Ronco e Nocilla. " Si denigrano totalmente sia il nostro impegno e il nostro lavoro sia l’impegno e il lavoro dei nostri addetti, operai e tecnici, che quotidianamente svolgono al meglio il loro ruolo. Parlare in modo così spregiudicato di “incuria e degrado”, “noncuranza e negligenza” vuol dire non avere rispetto e vuol dire scambiare il proprio ruolo di consiglieri comunali con quello di oppositori astiosi e invidiosi pettegoli che non trovano altro modo per spostare l’attenzione dagli innumerevoli successi che questa amministrazione sta ottenendo su tutti i fronti.Nel merito dei problemi che hanno sollevato sappiamo bene come intervenire e lo stiamo già facendo: se  alle questioni che hanno sollevato ritengo di dare una valenza reale per la quale abbiamo ottime probabilità di risolverle,  per il loro atteggiamento fazioso e opportunista, testimoniato dal linguaggio che hanno usato nelle loro interpellanze credo di non poter porre rimedio ma posso solo invitarli ad essere più sereni nel loro ruolo di minoranza:  ormai dovrebbero essersi abituati, e rassegnati-conclude Morandi.

Daniele Piovera
Ricerca in corso...