Killer in fuga si nascondeva a Vercelli. Cronaca Nord Ovest

Accusato di omicidio in sicilia, un giovane e' stato arrestato in citta'. Cronaca Nord Ovest

VERCELLI -

Si nascondeva a Vercelli uno dei presunti autori dell'omicidio di un pregiudicato siciliano, coivolto in un giro di droga e raggiunto sotto casa, a Pachino, da quattro colpi di arma da fuoco.

Massimiliano Quartarone, 24 anni, è stato arrestato nella notte da mercoledì e giovedì dagli uomini della squadra Mobile della Polizia di Stato: l'accusa, nei suoi confronti, è di omicidio aggravato. Come lui, sono finiti in manette, ma in Sicilia, altre tre giovani sospettati di aver fatto parte del gruppo di fuoco: Stefano Di Maria, Sebastiano Romano e Giuseppe Terzo, raggiunti da un ordine di cattura emesso dalla Procura di Siracusa.

Quartarone era sparito dalla Sicilia subito dopo l'agguato che aveva causato il ferimento di un uomo sottoposto alla misura della sorveglianza speciale, Corrado Vizzini, 55 anni, “Corrado Marcuotto” negli ambienti legati al mondo della droga. L'uomo, gravemente ferito in un agguato di alcuni giorni fa, era poi morto all'ospedale dove era stato ricoverato d'urgenza.

I poliziotti vercellese, lavorando d'intesa con i colleghi di Pachino, avevano individuato a Vercelli una parente del fratellastro del sospettato. Sospettando che il giovane ricercato si potesse essere rifugiato in città, hanno individuato e messo sotto osservazione la zona, effettuando poi diverse perquisizioni fino a trovare l'alloggio giusto. Quartarone non ha opposto resistenza ed è stato portato in carcere a Vercelli. Al momento dell'arresto era disarmato.

Redazione on line Vercelli
Ricerca in corso...