Cronaca dal nord ovest. Il mondo degli sportivi in apprensione per Giordano Donà e Maurizio Fenaroli.

Le ricerche di Donà sono mirate su un ghiacciaio vicino a Cervinia. Difficile capire invece gli spostamenti di Fenaroli, le cui ultime notizie risalgono a sabato 23 marzo.

biella -

Un destino beffardo: il mondo degli sportivi e il Biellese è in apprensione per la sorte di due runner scomparsi. Si tratta di Giordano Donà, 63 anni di Occhieppo Inferiore e Maurizio Fenaroli, 43 anni residente a Piedicavallo. Il Donà sarebbe uscito di casa intorno alle 7 di giovedì 28 per andare a sciare a Cervinia. Da allora non si hanno più notizie. Un campione, un atleta delle "Bestie Barbute", tesserato per l'Atletica Lessona, 6° di categoria e 76esimo assoluto domenica scorsa alla Biella Piedicavallo. Un mistero avvolge la scomparsa di Maurizio Fenaroli, 43 anni residente a Piedicavallo anche lui, campione molto conosciuto nell'ambiente dei runner. Dipendente della ditta Brandamour di Valle Mosso, di lui non si hanno più notizie da sabato scorso quando la vicina lo avrebbe visto, in tenuta sportiva, uscire di casa per una corsa. Da allora il nulla per sei giorni. Questa mattina l'allarme dato dai famigliari ai carabinieri. Nella casa di Piedicavallo sembrerebbe non essere emersa nessuna traccia rilevante. Da quel momento i carabinieri di Andorno hanno avvisato la sorella Cristina, l'ex compagna Alessia Macchieraldo e la figlia 16enne Giulia.

LE RICERCHE DI MAURIZIO FENAROLI. Nel paesino al fondo della Valle Cervo è stato allestito il campo base dell'unità delle ricerche. I tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese sono impegnati da questa mattina in un'operazione di ricerca del Fenaroli che risulta disperso da sabato 23 marzo quando i vicini lo hanno visto uscire di casa per una corsa in montagna. Siccome l'uomo abita da solo, nessuno si è accorto della sua assenza fino a questa mattina quando i famigliari hanno denunciato il mancato rientro. Si tratta di un intervento estremamente complicato dal punto di vista strategico perché l'uomo non ha lasciato alcuna traccia dei suoi spostamenti e trattandosi di un atleta, appassionato di corsa in montagna, potrebbe aver coperto ampie porzioni di territorio e trovarsi molto lontano dal punto di partenza. Nel pomeriggio dopo un lavoro di analisi e di studio dei versanti con la cartografia digitale, le squadre del Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese in collaborazione con i Vigili del Fuoco si sono spostate sul terreno iniziando a cercare lungo i principali sentieri e sorvolando i versanti con l'elicottero dei Vvf. Nel frattempo i carabinieri hanno richiesto alla compagnia telefonica, le triangolazioni per individuare la posizione del suo cellulare. Operazioni sospese, per oggi, alle 16,30. Riprenderanno domani mattina. 

LE RICERCHE DI GIORDANO DONA'. I soccorsi per lo scialpinista di Occhieppo Inferiore hanno dato, per ora, esito negativo. Sono state effettuate ricerche da terra, nella serata di ieri e nella notte tra giovedì e venerdì 29 marzo; in giornata sono stati effettuati due sorvoli dell'elicottero della Protezione civile SA1 di circa 50 minuti ciascuno, un sorvolo di 60 minuti di SA3 e due sorvoli da parte di Air Zermatt. La ricerca si è concentrata, anche via terra, sulla zona del ghiacciaio Unterer Theodulgletscher, che hanno impegnato 5 guide tecniche del Soccorso Alpino Valdostano, 5 della scuola alpina della guardia di finanza e 5 vigili del fuoco. Nelle operazioni di ricerca è stato utilizzato anche un drone del SAV (soccorso alpino valdostano). Le operazioni vengono sospese alle 17. Riprenderanno domani mattina.

Redazione on line Biella
Ricerca in corso...