Cronaca dal nord ovest. Duro addestramento in quota per i medici del soccorso alpino

I medici rianimatori e dell’emergenza che prestano servizio in Elisoccorso si stanno addestrando in questi giorni all'attività in alta quota con le guide alpine 'Tecnici del soccorso'.
Il programma di esercitazioni prevede otto giornate formative: quattro gruppi divisi in quattro coppie che operano due a Plan di Verra e alla Rocca di Verra a Champoluc, con l’impiego dell’elicottero della Protezione civile (SA1); altri due gruppi sono in località Vollein, con manovre “a secco” sulla parete della palestra di roccia.

“Si tratta di un momento importante per il nostro personale sanitario – spiega Luca Montagnani, direttore del Dipartimento di Emergenza, Rianimazione e Anestesia (DERA) – perché ci permette di aggiornare le nostre competenze alpinistiche, fondamentali quando operiamo in ambiente impervio e ostile”.

“I medici di Elisoccorso si trovano spesso a lavorare in condizioni complicate sotto il profilo della movimentazione in quota – sottolinea Luca Cavoretto, responsabile del Soccorso sanitario 118 – e può succedere di doversi muovere via terra quando l’elicottero non può volare a causa delle condizioni meteo avverse o di dover rientrare in Base con le guide alpine, senza poter contare sul mezzo aereo. Muoversi in piena sicurezza è fondamentale, per il medico stesso e per tutto il team di soccorso”.

I Tecnici di Elisoccorso (TE) del Soccorso Alpino Valdostano impegnati nell’aggiornamento “Montagna estiva” di questi giorni sono 40, divisi in quattro gruppi su due giornate di formazione.

“Le operazioni in corso non sono finalizzate esclusivamente all’addestramento – spiega Paolo Comune, direttore del Soccorso Alpino Valdostano – ma hanno valenza valutativa, ai fini del mantenimento della qualifica di Tecnico di Elisoccorso, che richiede non solo un costante aggiornamento ma momenti di verifica delle competenze e delle abilità operative. Il nostro obiettivo è quello di mantenere la preparazione del personale di soccorso ai livelli massimi e di migliorare, laddove possibile. Nei mesi precedenti la stagione estiva è previsto l’aggiornamento/verifica 'Montagna estiva'. In autunno il programma prevede tematiche legate alla stagione invernale”.

Dal Nostro corrispondente ad Aosta
Ricerca in corso...